KULTURNO DRUŠTVO IVAN TRINKO CIRCOLO DI CULTURA

33043 Čedad/Cividale del Friuli, Via Ivan Trinko 8

tel./fax. + 39 0432.731386

e-mail: kdivantrinko@kries.it

Il Circolo di cultura Ivan Trinko

A pochi mesi dalla morte dell’illustre figlio della Slavia Mons. Ivan Trinko, il 15 ottobre 1954, un gruppo di intellettuali, studenti e operai sloveni, uniti da un comune sentire e con l’obiettivo di affrontare i problemi irrisolti della componente slovena, presente sul territorio da oltre tredici secoli, decise di proseguire l’opera di Trinko fondando la prima associazione slovena della Provincia di Udine. L’Assemblea costitutiva del Circolo di cultura Ivan Trinko si tenne a Udine il 2 ottobre 1955.

Il Circolo di cultura Ivan Trinko è stato il primo circolo, insieme matrice e punto di riferimento per tutte le altre iniziative culturali, educative, di ricerca e sociali, che negli anni sessanta e settanta del secolo scorso sono nate e si sono sviluppate nella Slavia. Per un lungo periodo ha svolto anche il ruolo di rappresentanza politica degli Sloveni della provincia di Udine in cui si riconoscevano tutte le componenti culturali e politiche. Oggi, anche in collaborazione con altre associazioni slovene, contribuisce ad arricchire la vita culturale e l’attività della minoranza slovena in provincia di Udine. Vanno sottolineate soprattutto le iniziative rivolte a quella parte della nostra comunità minoritaria più debole e, dal punto di vista linguistico, più minacciata. Inoltre offre un supporto tecnico e organizzativo per le numerose associazioni culturali, di ricerca e di formazione della nostra comunità, svolgendo nel contempo un importante ruolo di collegamento nell’ambito della minoranza slovena della provincia di Udine e della regione Friuli Venezia Giulia nonché in ambito transfrontaliero.

 

KULTURNO DRUŠTVO IVAN TRINKO CIRCOLO DI CULTURA

33043 Čedad/Cividale del Friuli, Via Ivan Trinko 8

tel./fax. + 39 0432.731386

e-mail: kdivantrinko@kries.it

Il Circolo di cultura Ivan Trinko

A pochi mesi dalla morte dell’illustre figlio della Slavia Mons. Ivan Trinko, il 15 ottobre 1954, un gruppo di intellettuali, studenti e operai sloveni, uniti da un comune sentire e con l’obiettivo di affrontare i problemi irrisolti della componente slovena, presente sul territorio da oltre tredici secoli, decise di proseguire l’opera di Trinko fondando la prima associazione slovena della Provincia di Udine. L’Assemblea costitutiva del Circolo di cultura Ivan Trinko si tenne a Udine il 2 ottobre 1955.

Il Circolo di cultura Ivan Trinko è stato il primo circolo, insieme matrice e punto di riferimento per tutte le altre iniziative culturali, educative, di ricerca e sociali, che negli anni sessanta e settanta del secolo scorso sono nate e si sono sviluppate nella Slavia. Per un lungo periodo ha svolto anche il ruolo di rappresentanza politica degli Sloveni della provincia di Udine in cui si riconoscevano tutte le componenti culturali e politiche. Oggi, anche in collaborazione con altre associazioni slovene, contribuisce ad arricchire la vita culturale e l’attività della minoranza slovena in provincia di Udine. Vanno sottolineate soprattutto le iniziative rivolte a quella parte della nostra comunità minoritaria più debole e, dal punto di vista linguistico, più minacciata. Inoltre offre un supporto tecnico e organizzativo per le numerose associazioni culturali, di ricerca e di formazione della nostra comunità, svolgendo nel contempo un importante ruolo di collegamento nell’ambito della minoranza slovena della provincia di Udine e della regione Friuli Venezia Giulia nonché in ambito transfrontaliero.

Finestra sulla cultura slovena a Cividale

Il Circolo di cultura Ivan Trinko si presenta anche come una sempre più efficace ed aperta finestra sulla cultura slovena a Cividale. Contemporaneamente alimenta il dialogo e la collaborazione con la comunità friulana e con i vicini di lingua italiana. In questo senso si è sviluppata anche la collaborazione con l’amministrazione comunale della città ducale che concede al Circolo di cultura il suo patrocinio, negli ultimi anni è anche coorganizzatore di alcune iniziative culturali in particolare in ambito artistico ed espositivo.

Sportello bilingue del Comune di Cividale

Lo sportello era attivo presso la sede del Circolo Ivan Trinko dal 1.10.2013 alla fine del 2016 nell’ambito della convenzione con il Comune dei Cividale per l’attuazione della legge di tutela della minoranza slovena n. 38. Importante è segnalare che proprio per la collaborazione resa a titolo gratuito dal Circolo Ivan Trinko non sono stati interrotti i servizi previsti dallo sportello, a testimonianza ulteriore del buon livello di collaborazione tra il Circolo e il Comune di Cividale.

Dal 2017 lo sportello viene gestito direttamente dal Comune di Cividale ma la collaborazione sta continuando attraverso progetti comuni, come ad esempio Cividale: Čedad po slovensko.

Biblioteca

Il Circolo di cultura Ivan Trinko è dotato di una biblioteca che mette a disposizione dei lettori oltre 9000 libri prevalentemente in lingua slovena che consentono di approfondire la conoscenza sia della lingua e della cultura slovena che della complessa problematica della comunità slovena della provincia di Udine. A questo proposito è importante mettere in luce la feconda collaborazione con l’Università di Udine e con altre biblioteche (Biblioteca nazionale slovena e degli studi, Biblioteca France Bevk di Nova Gorica, Biblioteca Ciril Kosmač di Tolmino) e la sua partecipazione al progetto di collaborazione con altre biblioteche nell’ambito del Polo urbano del Sistema bibliotecario del Cividalese. Il catalogo della Biblioteca del Circolo di cultura Ivan Trinko è accessibile sul sito www.winknj.si/OPAC/10005

Progetto di digitalizzazione Matajur/Novi Matajur e Trinkov koledar; valorizzazione della presenza della comunità slovena nella Provincia di Udine

Ai fini della conservazione e valorizzazione della storia, della cultura, delle tradizioni popolari e delle testimonianze della presenza degli sloveni della Provincia di Udine, il Circolo di cultura Ivan Trinko nel 2013 ha presentato alla Regione FVG, ottenendo anche il finanziamento, il progetto che prevede, oltre alla digitalizzazione dei giornali Matajur/Novi Matajur e del Trinkov koledar (almanacco Ivan Trinko), anche la ricerca, catalogazione ed acquisizione di materiale riguardante la vita e l’opera degli sloveni della provincia di Udine e delle personalità più illustri, nonché l’adeguamento della pagina web per l’archiviazione e l’accesso di tali dati.

La digitalizzazione dei giornali e del Trinkov koledar si è conclusa nella prima metà di luglio 2015. E’ stata creata una banca dati che permette la ricerca e consultazione del materiale sul web (anche su dLib).

Attività editoriale

Ricca è anche l’attività editoriale del circolo. Di particolare rilievo la pubblicazione annuale Trinkov koledar che esce dal 1953 e tranne una pausa dal 1986 al 1990, ogni anno presenta la problematica della comunità slovena della provincia di Udine, la sua cultura e tradizione, la storia, la sua produzione letteraria (nei dialetti sloveni del Friuli) ed artistica. Nell’ultimo decennio dedica particolare attenzione alla cooperazione transfrontaliera e all’intergrazione tra gli ammnistratori lovcali e la popolazione che vive su entrambi i versanti del confine.

Nella sua attività editoriale, il Circolo di cultura Ivan Trinko cura con particolare attenzione la qualità dei lavori pubblicati. Tra questi vanno citati in particolare:

– Bibliografia ragionata Beneška Slovenija, Jezik in kultura, Rezija, Ter, Nadiža del prof. Roberto Dapit, strumento fondamentale per la conoscenza del ricco mondo linguistico della nostra comunità

– Metodo di insegnamento del pianoforte per i bambini in età prescolare partendo dal canto popolare sloveno locale (con CD) Stoji, stoji lipica della prof. Paola Chiabudini

– raccolta poetica Različni jeziki_Linguaggi diversi

– CD Adoramus – canti sacri di Ivan Trinko

– Atti del Convegno Mons. Ivan Trinko (1863-1954) – Spodbujevalec spoznavanja in dialoga med kulturami_Promotore della conoscenza e del dialogo tra culture (1984)

– Ivan Trinko: Boter petelin in njegova zgodba

– Ivan Trinko: Compare gallo e la sua storia

– Faustino Nazzi: Landarska jama v visokem srednjem veku_La grotta d’Antro nell’Alto Medioevo

– Anton Birtič – Beneški: Poezije

– Monografia Paskval Gujon, očak z Matajurja / Pasquale Gujon, il Patriarca del Matajur (nel centenario della nascita)

– Mlada lipa, Pravәce domah narete (testi scelti dalla pubblicazione Mlada lipa)

– Graziano Podrecca: Novi fotografski vodnik po Ljubljani_Nuova guida fotografica della città di Lubiana

Sotočja 8

Collana Koderjana

I – Iztok Osojnik: 111 ur_111 ore

II – Drago Jančar: Appunti dalla Schiavonia_Zapiski iz Schiavonie

III – Iztok Geister: Piccoli animali selvatici delle valli del Natisone _Zverinice iz Nadiških dolin

IV – Fabio Franzin: Rožni venec iz tišine_Rosario de siénzhi

V- Taja Kramberger: Refugij Tapù_Rifugio Tapù

VI – Matjaž Pikalo: Zverinice prijateljice_Amiche bestioline (+ CD Autodafe)

VII – Marko Sosič: Onkraj dreves_Al di là degli alberi

VIII – Barbara Korun: Čečica, motnjena od ljubezni_Čečica turbata d’amore

IX – Miha Mazzini: Spomniti se pomeni narediti zgodbo  / Ricordare vuol dire creare una storia

X – Nataša Kramberger: Tujčice 

Collana Tapu’

I –  Angelo Floramo: Balkani, appunti per una storia femmina – Balkan, zapiski za žensko zgodb

Cataloghi e monografie di mostre

– Kulturna krajina Nadiških dolin_Il paesaggio antropizzato delle Valli del Natisone (Renzo Rucli)

Ritratti _Portreti (Luca Laureati)

Znotraj vasi – Nediške doline 1968– fotografie di Riccardo Toffoletti

Cieglci- santini delle parrocchie di S. Maria Assunta e San Volfango di Drenchia

Udeleženci simpozija v Čedadu / i partecipanti al convegno di Cividale del Friuli (Luisa Tomasetig )

Odločil bo veter_Lo deciderà il vento (Loretta Dorbolò)

Boris Pahor-Lojze Spacal:Krajine dvajsetega stoletja_Paesaggi nel Novecento

– Odprta Obzorja_Umetnost 20. Stoletja med Italijo in Slovenijo

– Claudia Raza: Lungo il sentiero dei sentimenti_Sledi na stezi čustev

L’attenzione agli usi ed alle tradizioni popolari

L’attenzione alla ricchezza dialettologica ed etnografioca del territorio si riflette anche nell’attività editoriale

Mlada lipa

– Ado Cont: Čeniebola, spomini ad učera an donas;

– Ado Cont: Po sviete – Canebola e l’emigrazione

– Ado Cont: Le mie radici, il mio paese, la mia gente _Me karanine ma uas me judi

– Lucia Trusgnach: Rožinca je naša (festa dell’Assunzione a Drenchia)

– Gabriella Tomasetig: Mutasti se šuljajo spomini (raccolta poetica)

– Aldo Clodig: Duhuor an luna (raccolta poetica)

– Andreina Trusgnach: Sanje morejo plut vesoko (raccolta poetica)

– Viljem Černo: Ko pouno noći je sarce_Ko polno je noči srce_Co plen di gnot al è il cûr_Quando pieno di   notte è il cuore (raccolta poetica- coedizione)

– Pustita nam rože po našim sadit II, Senjam beneške piesmi XI.-XX., 1984-1995 ( raccolta dei testi del Senjam beneške piesmi – coedizione)

– Pustita nam rože po našim sadit III, Senjam beneške piesmi XXI.-XXX., 1996-2012 ( raccolta dei testi del Senjam beneške piesmi – coedizione)

– Claudia Salamant: De b’ mogle besiede (raccolta poetica)

Attività di promozione audiovisiva

In tempi più recenti il Circolo di cultura Ivan Trinko si è dedicato anche al cinema ed agli audiovisivi. In collaborazione con il Kinoatelje di Gorizia organizza ormai da diversi anni una serata speciale del Video monitor. La conoscenza della creatività slovena in ambito filmico e cinematografico ha stimolato anche la produzione di film da parte di autori locali. In questa cornice il circolo ha collaborato al restauro, alla presentazione e riedizione del film “Človek iz Srednjega – L’uomo di Stregna”, il primo film girato con attori locali nelle Valli del Natisone negli anni sessanta del secolo scorso. Il film è stato accolto positivamente alla rassegna di Cividale ed in altre località ed ha conseguito anche diversi premi. Il circolo ha pubblicato anche una brochure trilingue sul fim. L’attività filmica e di documentazione si è sviluppata in particolare con la coproduzione del progetto Mala apokalipasa che ha visto la collaborazione del Kinoatelje di Gorizia e del Zavod kinoatelje di Šmihel (Carinzia) e la pubblicazione della trilogia Triptih di Alvaro Petricig in cui sono inseriti i suo film documentari Sarce oh Hiše, Starmi cajt_Il tempo ripido e L’uomo di Stregna_Človek iz Srednjega.

Il Circolo di cultura Ivan Trinko ha collaborato al progetto del Codess sociale FVG, A.S.S. n. 4 Medio Friuli ed Unione emigranti – Slovenci po svetu con il film Cronaca perduta. Da oltre 30 ore di registrazione è stato realizzato un documentario sulle esperienze di vita di anziani che vivono nella   Casa di riposo di S. Pietro al Natisone ovvero nell’Ambito distrettuale Cividalese che ha sostenuto il progetto. Raccoglie le testimonianze relative al secolo scorso tra vita quotidiana ed eventi storici e dimostra come ogni esperienza personale sia parte della storia comune in cui tutti si possono riconoscere.

Partecipazione a progetti europei già conclusi

– Programma di iniziativa comunitaria Interreg IIIA – Italia-Slovenia 2000-2006. Il Progetto “Tra Natisone e Isonzo: storia e archeologia di un territorio_Med Nadižo in Sočo: zgodovina in arheologija ozemlja ha promosso la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio storico-archeologico e la ricostruzione del paesaggio antico del territorio posto a cavallo del confine politico italo-sloveno e compreso tra l’alto corso dei fiumi Natisone e Isonzo attraverso una mostra, convegni e pubblicazioni

– Programma Phare CBC Slovenia / Italia 2003- Fondo per piccoli progetti. Frutto del progetto Videoricuciture di memoria sul confine “Video documentazione della vita lungo il confine”è una ricerca audiovisiva di ampio respiro che ha catturato in filmati i preziosi ricordi degli abitanti lungo il confine. Le testimonianze personali rappresentano la struttura base del documentario Sešivalnica spomina – Ricuciture di memorie che oltre alle persone registra anche l’ambiente e la vita in esso

Partecipazione al Progetto standard »LEX – Analiza, izvajanje in razvoj zaščite narodnih skupnosti v Sloveniji in Italiji/ Analisi, applicazione e sviluppo della tutela delle Minoranze in Italia e Slovenia«

Il Circolo di cultura Ivan Trinko di Cividale ha partecipato in qualità di PP5 al progetto standard »LEX – Analisi, applicazione e sviluppo della tutela delle Minoranze in Italia e Slovenia«, cofinanziato dal Programma di cooperazione transfrontaliera Italia–Slovenia 2007-2013 nell’ambito del quale ha anche organizzato il convegno di studi Od zakona do identitete preko jezika?_Dalla legge all’identità attraverso la lingua?, tenutosi nella sala convegni “Roberto Gusmani” dell’Università di Udine il 26 settembre 2013.

L’obiettivo primario del progetto, che si è concluso nel 2015, è quello di consentire una piena integrazione sociale delle minoranze sia nei rispettivi Paesi sia nell’ottica dell’integrazione sociale nell’area di riferimento per superare quelli che sono i pregiudizi e le barriere linguistiche ancora presenti, frutto del retaggio storico. Le attività sviluppate hanno origine da un’approfondita attività di ricerca che prevede uno screening della legislazione in merito alla tutela delle minoranze.

Zlati red za zasluge (Ordine d’oro al merito)

Il Presidente della Repubblica di Slovenia Janez Drnovšek ha assegnato al Circolo di cultura Ivan Trinko, la massima onorificenza, l’Ordine d’oro al merito Zlati red za zasluge (decreto 996-01 del 12.10.2006).

La cerimonia della consegna si è tenuta il 25 ottobre 2006 nel palazzo presidenziale a Ljubljana.

È un riconoscimento per gli oltre cinquant’anni di attività del primo circolo culturale sloveno costituito nella Provincia di Udine. Il Circolo, pur in un’atmosfera sociale difficile – si legge nella motivazione – ha saputo svolgere la funzione di nucleo materno, dal quale negli anni Sessanta e Settanta del 20. secolo si sono sviluppate tutte le altre iniziative culturali, scolastiche e di ricerca nella Benecia.

Il Circolo Ivan Trinko è la prima associazione della Benecia ad aver ricevuto tale importante riconoscimento. Viene così premiato l’impegno di quanti in tempi sicuramente più difficili, a partire dal 2 ottobre 1955, data di fondazione del Circolo, si sono attivati per la conservazione e lo sviluppo della cultura slovena nelle nostre zone.

Altri premi e riconoscimenti

1980, Plaketa boja in dela SKGZ »in occasione dei 25 anni dalla fondazione per i meriti eccezionali nell’attività organizzativa degli sloveni della provincia di Udine nella lotta per i propri diritti«

2005, Zlati krog ZSKD za izredne dosežke »per i cinquant’anni di ininterrotta attività, per la conservazione e valorizzazione della presenza slovena in Benecia e per il sostegno all’attività della nostra organizzazione (ZSKD)«

2010, Gujonovo priznanje »per la pluriennale collaborazione tra gli sloveni della provincia di Udine e dell’Alto Isonzo«

DATI DEL CIRCOLO:

denominazione ufficiale:    Circolo di cultura Ivan Trinko

denominazione in lingua slovena: Kulturno društvo Ivan Trinko

indirizzo:   Via Ivan Trinko 8 – 33043 Cividale del Friuli (UD) – Italia

Data di costituzione: il 2.10.1955 è da sempre considerato e celebrato come data effettiva di fondazione del Circolo di cultura Ivan Trinko, come ampiamente risulta dalla stampa dell’epoca.

Nello Statuto, registrato con atto notarile in data 24.6.1970, è invece indicato come data di fondazione il 15.10.1954, che per questo motivo risulta essere la data ufficiale di fondazione.

In realtà si tratta della data del primo incontro operativo del Comitato dei fondatori.

sede: Dal 1999 il Circolo è proprietario dello stabile in cui ha la propria sede. In esso operano anche altre organizzazioni slovene della Provincia di Udine e i Comitati provinciali della SKGZ e ZSKD.

– Anton Birtič – Beneški: Poezije

– Zbornik Paskval Gujon, očak z Matajurja (ob stoletnici rojstva)

– Mlada lipa, Pravәce domah narete (izbor besedil iz publikacije Mlada lipa)

– Graziano Podrecca: Novi fotografski vodnik po Ljubljani_Nuova guida fotografica della città di Lubiana

Sotočja 8

publikacije Zbirke Koderjana

I – Iztok Osojnik: 111 ur_111 ore

II – Drago Jančar: Appunti dalla Schiavonia_Zapiski iz Schiavonie

III – Iztok Geister: Piccoli animali selvatici delle valli del Natisone _Zverinice iz Nadiških dolin

IV – Fabio Franzin: Rožni venec iz tišine_Rosario de siénzhi

V- Taja Kramberger: Refugij Tapù_Rifugio Tapù

VI – Matjaž Pikalo: Zverinice prijateljice_Amiche bestioline (+ zgoščenka Autodafe)

VII – Marko Sosič: Onkraj dreves_Al di là degli alberi

VIII – Barbara Korun: Čečica, motnjena od ljubezni_Čečica turbata d’amore

IX – Miha Mazzini: Spomniti se, pomeni narediti zgodbo_ Ricordare vuol dire creare una storia

X – Nataša Kramberger: Tujčice

Katalogi razstave in monografije ob razstavah

– Kulturna krajina Nadiških dolin_Il paesaggio antropizzato delle Valli del Natisone (Renzo Rucli)

Ritratti _Portreti (Luca Laureati)

Znotraj vasi – Nediške doline 1968 – fotografije Riccarda Toffolettija

Cieglci – podobice iz far Device Marije an Štuoblanka v Dreki

Udeleženci simpozija v Čedadu (Luisa Tomasetig )

Odločil bo veter_Lo deciderà il vento (Loretta Dorbolò)

Boris Pahor-Lojze Spacal:Krajine dvajsetega stoletja_Paesaggi nel Novecento

– Odprta Obzorja_Umetnost 20. Stoletja med Italijo in Slovenijo

– Claudia Raza: Lungo il sentiero dei sentimenti_Sledi na stezi čustev

Skrb za slovensko narečje, za ljudske šege in navade

Skrb za slovensko narečje, za ljudske šege in navade se odraža tudi v publikacijah:

– zbirka – Mlada lipa

– Ado Cont: Čeniebola, spomini ad učera an donas;

– Ado Cont: Po sviete – Canebola e l’emigrazione

– Ado Cont: Le mie radici, il mio paese, la mia gente _Me karanine ma uas me judi

– Lucia Trusgnach: Rožinca je naša (ljudske šege ob Rožinci, prazniku Marije Vnebovzete)

– Gabriella Tomasetig: Mutasti se šuljajo spomini (pesniška zbirka)

– Aldo Clodig: Duhuor an luna (pesniška zbirka)

– Andreina Trusgnach: Sanje morejo plut vesoko (pesniška zbirka)

– Viljem Černo:   Ko pouno noći je sarce_Ko polno je noči srce_Co plen di gnot al è il cûr_Quando pieno di   notte è il cuore  (pesniška zbirka) – soizdaja

– Claudia Salamant: De b’ mogle besiede (pesniška zbirka)

– Pustita nam rože po našim sadit II, Senjam beneške piesmi XI.-XX., 1984-1995 ( zbirka besedil Sejma beneške piesmi – soizdaja)

– Pustita nam rože po našim sadit III, Senjam beneške piesmi XXI.-XXX., 1996-2012  ( zbirka besedil Sejma beneške piesmi – soizdaja)

 

Menu